To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

CREDITI

Titolo : Jeu de Dames
Durata : 16 minutes
Coreografi : Francesco Colaleo et Maxime Freixas /
Cie MF | Maxime & Francesco

Interprete : Jeune Ballet Désoblique 

Foto : © Garance Li

JEU DE DAMES

(Gioco di Dama)

Attenzione, prego !

State per assistere a un gioco tridimensionale, iniziato molto tempo fa.

Cinque ballerini interpreteranno per voi diversi personaggi. Una partita a dama in cui tutto vi sarà rivelato. Li vedrete forti o deboli, agire o soffrire, ma non si arrenderanno mai e lotteranno sempre per vincere la partita. Queste donne probabilmente attraverseranno un solo livello del gioco, ma saranno testimoni della tattica e della sua evoluzione. E forse potrete continuare a farlo a vostra volta.

"Jeu de Dames" vuole sensibilizzare l'opinione pubblica sulla condizione delle donne. Affrontiamo il tema con leggerezza e ironia, offrendo così una doppia lettura dello spettacolo. Dove alcuni vedranno solo umorismo e intrattenimento, altri vedranno il tema dell'ingiustizia nei confronti delle donne.

Un tema che oggi sembra essere meno presente, ma non dimentichiamo queste parole: "grasse scrofe, cagne, buone a nulla e animali disgustosi", pronunciate nel 2017 dal Presidente degli Stati Uniti d'America, mentre dal 2014 abbiamo la legge per una reale parità tra donne e uomini.

Le donne hanno dimostrato e dimostrano ancora oggi di essere uguali agli uomini, quando fermeremo queste ingiustizie?